Il fallo artificiale

Ero a casa da solo, mia moglie era andata al lavoro ma l’indomani finalmente sarebbe stata in ferie anche lei e sarebbero partite le nostre vacanze. Mi ero svegliato da poco e non avevo ancora voglia di fare niente, frugai nei cassetti fra la biancheria di mia moglie: mi piaceva toccare i suoi perizomi, reggicalze e ogni capo di biancheria intima tutti rigorosamente di pizzo. Così facendo mi venne una certa voglia presi un DVD porno e lo inserii nel lettore, le scene passavano e mi eccitavo sempre di più: era lo scopo per cui mi ero messo a guardare il film. Cominciai lentamente a masturbarmi, non volevo venire troppo in fretta quindi mi accarezzavo le palle, l’asta durissima ma dovevo trovare un diversivo e subito capii cosa fare. Aperto il cassetto del comodino di mia moglie mi misi a frugare fra i suoi vibratori, li annusai per cogliere, se ci fosse ancora stato, il profumo della sua figa li accarezzavo fino a prendere in mano il suo preferito: un fallo realistico vibrante. Sullo schermo passavano le immagini di una donna che si stava facendo inculare da un nero notevole, la vedevo gemere e contorcersi sotto le spinte dell’uomo e pensai a cosa potesse provare, mi guardai fra le mani e scorsi la risposta: il vibratore mi poteva far capire cosa stesse provando. Sul principio non volevo crederci: stavo pensando di mettermi nel culo quell’affare, ma presa la decisione decisi di andare avanti! Mi posizionai sulla schiena, allargate e sollevate le gambe puntai la cappella del fallo sul mio buchino arrivato vergine fine a quel momento, quindi provai a spingere. Faceva male e non scivolava, cercai quindi qualcosa per lubrificarlo e trovai una crema. La spalmai sia sul fallo che sul buco e ripresi da capo l’operazione. Questa volta spinsi con un po’ più di decisione e la cappella entrò provocandomi un minimo di dolore ma anche tanta eccitazione, il mio uccello si indurì e ripresi a spingere il vibratore un po’ più dentro. La parte dopo era di diametro più grande e faceva leggermente male, ma la lubrificazione aiutava la lenta penetrazione, mi concentrai sul film mentre spingevo l’attrezzo che ormai era penetrato almeno per metà. Mossi la mano e inavvertitamente fece parti la vibrazione, provai un brivido sensazionale, il mio uccello esplodeva dal piacere, spinsi senza troppo riguardo il vibratore fino in fondo e comincia a masturbarmi con decisione. Tanta era l’eccitazione, sentivo le vibrazioni dentro il mio culo darmi un piacevole godimento. Pensavo a mia moglie al fatto di poterlo mettere anche a lei nel culo e poi entrarci anch’io col mio, guardavo scorrere le immagini del film e dopo un attimo sentii salire l’orgasmo che dal culo mi esplose violento eruttando copiosamente sperma caldo. Avevo goduto come non mai, tolsi dal sedere l’oggetto e lo guardai pensando che per un culetto vergine non era affatto piccolo, comincia a fantasticare per qualcosa di estremamente piccante per quella sera con mia moglie.

fallo dildo masturbazione

Commenti (0)

Non ci sono commenti.

Ero a casa da solo, mia moglie era andata al lavoro ma l’indomani finalmente sarebbe stata in ferie anche lei e sarebber...

Continue

Effettivamente devo ringraziare mio cugino se, ormai da un anno, mi scopo, quasi giornalmente, mia sorella. Questa stori...

Continue

Insieme al mio ex ragazzo siamo andati una sera alla festa di Laurea di un suo amico, in provincia di Firenze; pur non c...

Continue